Archivio di VirusLox - Official WebSite -
Categoria: Informaticamente

29 Settembre 2016

AppImageKit

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag: , ,
Commenti: Commenti disabilitati

Working in IT world, i’m obviously not surprised that everything related it evolves everyday and everyday faster.
As well i’m not surprised at all everytime i see a silly (if not even dumb) product became famous and encouter the “big crowd” favour.
Because of my job (that’s luckly also my passion…after good food), I should stay on top of any relevant news, but really: it’s so easy to feel satisfied on what we currently use (with success, of course), that so often happens to not realize what really good is just born around.
In opensource I trust, then GitHub is one of my best friend (after google search 😀 ) and everytime i have a look on it, I discover some great product.
Today I found AppImageKit, I’m sure you’ll enjoy it, and also that someone of You will be interested in be part of its development.

GitHub project page: https://github.com/probonopd/AppImageKit
Project web page: http://appimage.org/


19 Giugno 2016

Aruba.it: tanti interrogativi, qualche certezza.

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag: ,
Commenti: Commenti disabilitati

Technorail S.r.l. nacque nel 1994 diventando nel giro di 10 anni leader in italia nella fornitura di servizi Hosting orientati al web, gestione domini.
Proprio dal 2004 ne sono cliente, poiché da circa un anno realizzavo siti internet in PHP3 e mi faceva comodo uno servizio di hosting non troppo costoso dove testare i miei pessimi script.
A ben vedere questa fu la mossa vincente di Technorail S.r.l., poi divenuta l’attuale Aruba S.p.A: farsi strada nell’allora (uso “allora” per non commentare il presente…) immaturo e confuso mercato dell’information technology a colpi di prezzi imbattibili.
Noi piccoli clienti sapevamo molto bene che il prezzo basso non poteva certo permettere lussi e tappeti rossi, e ce ne facevamo una ragione, dopotutto era già abbastanza umiliante di suo non aver risorse per permettersi servizi più costosi e consoni.
Per farla breve, dato il prezzo quasi nessuno si lamentava delle magagne e in breve i clienti non fecero che aumentare (a differenza dei feedback e delle recensioni negative, che scomparvero presto in minoranza nell’immenso mare d internet). Aggiungo per onestà che i concorrenti italiani non si distinsero affatto per qualità (anzi…) ma solo per prezzo, ovviamente più alto.
Nel frattempo il gigante e’ cresciuto, il numero dei servizi offerti incrementato toccando ambienti molto molto delicati ed ora Aruba.it è il nome del team ufficiale Ducati in SuperBike. Mica cotica.

Ma l’approccio al mercato è cambiato? NI. Davvero: NI. Dal punto di vista dei servizi offerti si, nel senso che al “zero lodi, zero infamia” sono stati aggiunti servizi altamente specializzati, decisamente molto costosi, ma a prezzi inconfutabilmente competivivi.
E qui dovrebbe suonare il campanello di allarme!!
Ma nel mio tempo libero non disdegno di dare ancora consulenze (come architetto IT principalmente) ed i miei interlocutori sono italiani ed in quanto tali il risparmio è sempre un chiodo fisso, anche quando rappresenta una idea di MERDA. Capisco le difficoltà’ ma certe idee rimangono pessime.

In tutto questo Aruba.it prolifera, cresce, sguazza e detta legge.
Ora esiste sui mercati italiani e internazionali, con data-center sparsi in tutta europa e ovviamente prezzi differenziati a seconda dei mercati di riferimento.

Stessi prodotti vengono venduti in italia a prezzi quasi doppi rispetto a quelli che offre (identici) nel mercato internazionale (provare per credere: cloud.it Vs arubacloud.com ).
Io abito in Rep. Ceca, ovviamente sono ora cliente della piattaforma internazionale, ma quel che mi è successo ultimamente ha dell’incredibile.

Avendo un cloud server fermo, e non avendo nessuna credenziale per poterlo ristorare, contatto il servizio tecnico che chiude il ticket dopo ore e ore (ah, viene millantata assistenza 24h su 24h, ma e’ a orario continuato solo dalle 9 alle 19 nei giorni lavorativi…e no, non sto scherzando) in malo modo rispondendo sostanzialmente “non si può”.
Faccio riaprire il ticket, faccio presente che non sono proprio proprio nato ieri, che vorrei risolvere da solo, ma mi mancano certi accessi, ma soprattutto che sono disposto a pagare; Vengo invitato a registrarmi nella piattaforma italiana (?).
A questo punto telefono, più di una volta, mi viene detto che se uno si registra nella piattaforma internazionale per risparmiare si merita danni e si merita di non aver assistenza. (ah, ma io abito in rep. Ceca, come detto!).

E allora facciamolo! Mi registro nella piattaforma italiana, chiedo assistenza (controllate voi stessi, punto 7: https://www.cloud.it/azienda/perche-scegliere-aruba.aspx#totop )ma…non ottengo risposta essendo l’assistenza tecnica disponibile 24ore su 24 dalle 9 alle 18, nei giorni feriali.

E di nuovo, ma io non ho bisogno di assistenza perché “non so fare”, ma perché non sono autorizzato a fare dal loro sistema, e so perfettamente cosa mi si sta negando, dunque mi astengo da giudizi, questi non possono certo palesemente esser entusiasti.

Sono sospeso tra il basito ed il frustrato, ma di che mi lamento? costa poco!!


20 Ottobre 2015

Campagna sensibilizzazione all’uso di SSL

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag: , ,
Commenti: 12 commenti

Ammetto di non averci provato, ma preferisco fare il pigro e dichiarare che mai sarei stato in grado affrontare la tematica come Valentino Gagliardi di www.servermanaged.it in un articolo chiaro, simpatico e completo che invito leggere direttamente dal suo sito:

I certificati SSL, spiegati al mio criceto

[Quando arrivano di fronte alla frase “certificati SSL” la maggior parte delle persone spengono il computer e vanno a farsi una passeggiata. Non ho dati statistici per provarlo ma ne sono quasi sicuro]


12 Agosto 2015

Debian + Steam = SteamOS

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag:
Commenti: Commenti disabilitati

Home-gaming is definitively changing…

http://store.steampowered.com/steamos/


2 Maggio 2015

Debian 8 “Jessie” released

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag:
Commenti: Commenti disabilitati

…being a Debian (unstable/experimental) enthusiastic from 15 years, is funny that I realize a week later that a new Debian release is out.
Anyway, enjoy it!…i’m starting to test next one! 😉

Want to give it a try?


16 Dicembre 2014

What happens giving Lego bricks to some engineers

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag: , ,
Commenti: Commenti disabilitati

…an awesome bot that builds automatically a bridge for itself usage!


5 Maggio 2013

Evviva! ce l’hanno fatta!!!

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag:
Commenti: Commenti disabilitati

Distribution Release: Debian GNU/Linux 7.0

http://distrowatch.com/7844

Adoro Debian, pregi e (quasi tutti) difetti.
Pregi: quasi nulla è predefinito, l’installatore non installa nulla che tu non voglio, c’è un supporto QUALIFICATO enorme da varie community (frecciatine a stupidUbuntu), supporta hardware di ogni genere, si è aperta a kernel non linux (freeBSD, diventando di fatto il primo vero sistema operativo universale al mondo), si può ibridare un’installazione con la coesistenza di più versioni, repository immensi…

Difetti? Pochi, più che altro dovuti ad un atteggiamento troppo conservatore, tra questi il peggiore: kernel vecchi.
Ma davvero vecchi.

In genere  il vecchiume cronico di Debian stable non crea grossi problemi (sono solito ad usare testing anche in produzione…SSsssSSsttt non ditelo in giro)…ma questa volta è stato seccante: il freeze della testing ha durato ere geologiche e nemmeno i manutentori della unstable (che uso ovunque) se la son sentiti di aggiornare il kernel.

E stiamo parlando del kernel 3.2.
Zozza eva.
Si son fermati al 3.2 perchè con il 3.3 son state introdotte grandi novità…posso capire…ma nel frattempo il mondo è arrivata al 3.9!!!!
Si chiama paranoia.

Da canto mio ho ibridato tutte le mie installazioni con la pseudo-release experimentall, e le complicazioni cui sono andato in contro merita un post a se.
Ed è così che accolgo la notizia della nuova stable con un sospiro di sollievo, perchè m’ero davvero rotto di avere kbuild e kernel experimentall su pc che uso tutti giorni per lavorare, con la conseguenza che ad un avvio si e ad uno no mi tocca metter mano a qualcosa.


15 Febbraio 2013

HTML5 + css3 …ben oltre il web

Di VirusLox
Categorie: Informaticamente
Tag: , , ,
Commenti: Commenti disabilitati

Che la tecnologia corra a passi troppo lunghi e svelti per l’uomo calcistico non è una novità; che corra troppo anche per gli addetti ai lavori è frustrante; che in campo informatico gli annunci di lavoro siano ancora dedicati alla ricerca di programmatori vb6, flash, Dreamweaver (e tutti con ottime conoscenze di Microsoft Office, mi raccomando) è anche preoccupante.

Non sapendo come sprecare parole per argomentare quanto sopra, mi limito a condividere un post che rende evidente quanto sia stupido legarsi a vecchi standard, peggio ancora se proprietari, il non aggiornarsi e…il non correre sulla cresta dell’onda.

 

http://blog.keithclark.co.uk/creating-3d-worlds-with-html-and-css/

Ora, venitemi a dire che avete appena fatto un corso flash.

PS: con InternetExplorer la demo non funziona, zio Bill è ancora allergico agli standard aperti, specie se funzionano.



Oggi è domenica
18 Agosto 2019